NEWS del 22 giugno 2019

NOTIZIARIO C.A.I. 8 giugno 2019 – a cura di Marusca Piatta
Sezione Valtellinese – Sondrio
Sede sociale: Via Trieste, 27 Sondrio (tel. e fax: 0342-214300)
Email: info@caivaltellinese.it ; http://www.caivaltellinese.it
Presidente: Paolo Camanni
I soci che hanno notizie o avvisi da pubblicare sul sito della Sezione, indirizzino a:
info@caivaltellinese.it
Riccardo Tagni: tagriccardo@gmail.com
Laura Gianesini: lauragianesini13@gmail.com
Apertura della sede: martedì e venerdì dalle ore 21 alle 22.30
* * *
 
 
YASMEEN UNA STORIA DI CORAGGIO
La prima donna palestinese disabile a scalare Il Kilimangiaro a 17 anni si racconta
Sabato 22 giugno, ore 21.00
Sala Vitali del Credito Valtellinese, Via Delle Pergole – Sondrio
Ingresso gratuito
MONTAGNATERAPIA
“La montagna che aiuta”.
Interverranno Marco Battain e Ornella Giordana
Soci del CAI Torino, referenti del gruppo “La montagna che aiuta”
La montagna restituisce attività perdute e ha un forte potere trasformativo.
Qua il gruppo non è competitivo, ma cooperativo.
* * *
Domenica 23 giugno:
Sondalo ore 17:00 (Sala conferenze del museo dei sanatori, via Zubiani 33, ingresso
ospedale)
– Valdidentro ore 21:00 (Centro polifunzionale Rasin)
Con il patrocinio di:
CAI – Sezione Valtellinese
Fondazione “L. Bombardieri”
Assopace Palestina
 
IN EDICOLA LA COLLANA EDITORIALE "LE MONTAGNE INCANTATE":
CON NATIONAL GEOGRAPHIC E CLUB ALPINO ITALIANO
SUL SENTIERO ITALIA CAI
Il Club Alpino Italiano ha intrapreso una collaborazione con National Geographic per nove
volumi che intendono raccontare la montagna e la nostra Italia a partire dal Sentiero Italia CAI.
Parte da San Bartolomeo in Friuli Venezia Giulia e arriva in Sardegna il racconto di “Le
montagne incantate”, che dai primi giorni di maggio fino al prossimo gennaio accompagnerà gli
appassionati attraverso le montagne della penisola (e delle isole). Saranno oltre
millecinquecento le pagine per i quasi settemila chilometri del Sentiero Italia CAI.
Non si tratta di una guida, è piuttosto la narrazione di un sogno nato una trentina d’anni fa e che
oggi torna realtà. Un itinerario che lega tutte le regioni e diventa uno dei trekking più lunghi al
mondo.
Accanto alla descrizione del Sentiero Italia CAI, alle interviste ai Presidenti dei Gruppi
Regionali, alla presentazione delle attività del Sodalizio, si potrà trovare l’approfondimento sui
tanti temi della montagna italiana, illustrato da una scelta di immagini sognanti.

I volumi sono acquistabili in edicola al prezzo di 12,90 euro. Per i Soci è previsto uno sconto del
20% presentando il coupon pubblicato su Montagne360.
 
 
META: RIFUGIO MARINELLI – BOMBARDIERI
Data 30 Giugno
Tempo di percorrenza 3.30
Difficoltà E
Dislivello 823
Quota massima 2813
Descrizione percorso
In auto si raggiunge Campomoro, si sale al rifugio Carate (2600m) e poi al rifugio Marinelli
(2813 m).
Attrezzatura: Scarponi, bastoncini
Ritrovo: Ponte in Valtellina Piazza della Vittoria ore 7.00
Coordinamento
Gianmaurizio Corbellini 320 9369158; Alessandra Pedrucci 340 4020032
Altre informazioni: Merenda al sacco
 
 
META: Anello Monte delle Forbici – Val Malenco
Data: 30 Giugno
Tempo di percorrenza: 7 ore complessive
Difficoltà EE
Dislivello 920 m
Quota massima 2910 m
Descrizione percorso
Bel giro ad anello fra le meraviglie della Valmalenco. Dalla cima del Monte delle Forbici potremo
ammirare uno stupendo panorama sul Bernina e successivamente sulla via del ritorno ci
imbatteremo nel maestoso ghiacciaio di Fellaria in continua trasformazione. Lasciata l’auto al
parcheggio della diga di Campo Moro (m 1990), attraversiamo il coronamento della diga stessa
fino a giungere al sentiero segnalato. Proseguiamo fino al rifugio Carate Brianza (m 2636) e da
qui prendiamo il sentiero fra canaletti e sfasciumi per giungere sulla larga cresta e infine in vetta
del Monte delle Forbici (m 2910). Per la discesa effettueremo un giro ad anello che dal rifugio
Carate collega alla forcella di Fellaria (m 2819) e successivamente al rifugio Bignami (m 2385).
Scenderemo fino alla diga dell’Alpe Gera per poi giungere al parcheggio di partenza.
Attrezzatura: Da escursionismo
Coordinamento
Coordinatori: Mufatti Giulia 340 1830219; Dell’Oca Carlo 342 9210988;
infocaiberbenno@gmail.com
Altre informazioni
Termine prenotazioni: Venerdi 28 Giugno
Vitto al sacco. Trasporto con mezzi propri
 
 
META RIFUGIO CHIAVENNA
Data 30 giugno
Tempo di percorrenza 5 ore complessive
Difficoltà EE
Dislivello 850 m
Quota massima 2.228 m
Descrizione percorso
Lasciata l'auto nell’abitato di Fraciscio, si percorre nel bosco il sentiero C3 costeggiando il
Torrente Rabbiosa. Dopo alcuni ripidi tornanti si arriva all’Alpe Angeloga dove è situato il Rifugio
Chiavenna e il lago Angeloga. Percorrendo il sentiero C10 si attraversa la Costa di Fortezza
con sentiero a tratti esposto, ma attrezzato con brevi catene. Giunti alla statua della Madonna
d’Europa, si ridiscende in direzione Motta e per un traverso pianeggiante e boscoso, si fa ritorno
a Fraciscio.
Attrezzatura: Da escursionismo
Ritrovo Piazzale Ristorante Baffo a Chiuro alle ore 7.00
Coordinamento CAI Teglio 3473578756 – Panizzolo Luca – Filippini Luca
Informazioni utili Spostamento tramite auto propria e pranzo al sacco

Written by